Avere il paraocchi… sapete che cosa significa?

Spesso usiamo questa affermazione per descrivere qualcuno che non si permette di accettare qualcosa di diverso da ciò che già conosce…
La società odierna punta molto sui “paraocchi” e sapete perché?

Iniziamo dalla descrizione, che si trova nel dizionario ,del paraocchi stesso:
“Coppia di schermi di cuoio fissati alla briglia a lato di ciascun occhio del cavallo, allo scopo di non farlo imbizzarrire o adombrare.”

Ma parliamo un attimo dei cavalli, poi arriviamo dritti al punto:
i cavalli hanno gli occhi di lato e riescono a vedere quasi a 360, e attraverso questi strumenti si cerca di evitare distrazioni.

Gli occhi dei cavalli hanno una messa a fuoco diversa dalla nostra. La parte alta dell’occhio ha una messa a fuoco fissa per lunghe distanze; si accorcia progressivamente fino ad arrivare alla parte bassa che ha un fuoco molto ravvicinato.
Questo permette al cavallo di brucare e avere a fuoco contemporaneamente quello che mangia e l’orizzonte, in modo di accorgersi di eventuali predatori.

I paraocchi servono a ridurre il loro campo visivo perché hanno una visione MOOOOLTO AMPIA E DETTAGLIATA e, quando viene “usato” dall’uomo, potrebbe imbizzarrirsi (diventare irrequieto).

Adesso torniamo a noi… sapete bene che quando vi esprimo un concetto, lo faccio attraverso metafore, quindi il cavallo mi serve solo come esempio per farvi comprendere come, l’uomo, per gestire e domare qualcosa che è più grande di lui e con una visione più ampia, debba limitargliela.

Ti faccio una domanda:
Se tu avessi la consapevolezza di essere una creatura divina, in grado di poter creare la tua realtà nel modo migliore per te, seguiresti le masse? Saresti domabile? Saresti disposto a lavorare per la ricchezza altrui a testa bassa pensando che per te non c’è speranza?
Risponditi e tieni a mente le risposte…

Ecco… se tu aprissi gli occhi, ti togliessi il paraocchi che l’educazione, la società, la famiglia e il DNA stesso ti hanno fatto indossare, la tua visione di te diverrebbe molto più ampia… potresti comprendere di essere molto di più di ciò che ti hanno fatto credere di essere… e man mano che lo fai, la tua visione di te si amplia, esce da te, sino a comprendere di essere una scintilla divina.

E qui torniamo alle risposte delle domande di prima… te le ricordi?

Adesso cambiamo la domanda:
Credi che la “società” odierna (in passato usavano le religioni, le inquisizioni, le guerre… oggi abbiamo la politica, la crisi, i migranti,ecc.. qualsiasi cosa sposti l’attenzione e crei paura…) desideri che tu ampli la tua visione o preferisce che tu sia più gestibile e con il paraocchi?

Allora via! Col creare situazioni, paure, crisi varie che, come un paraocchi, direzionano la tua visione di te ad un misero corpo con braccia che lavorano, con una calcolatrice nella testa e senza speranza … senza dar valore alla tua essenza e alla tua personalità che ti permetterebbero di aprire la tua visione di te e del mondo….
⚠️ questo accade perché quando si ha paura o si hanno problemi, l’attenzione si sposta completamente su ciò… l’energia viene sprecata tutta in quei pensieri ed il campo visivo (anche quello fisico) si rimpicciolisce.

🙈 Credi di vivere senza paraocchi? Sei completamente centrato in te da permetterti di “lavorare” su te stesso per ampliare la tua visione?🙈

Come sempre, esiste il libero arbitrio e non sarò di certo io a giudicarvi… ho lasciato il giudizio anni fa… vi ho dato solo un mio punto di vista…. magari ancora con il paraocchi, ma ben determinato ad ampliarsi!

💓Con amore e Gratitudine 💓

Lascia un commento