COME CI INFLUENZANO GLI ANTENATI?

 

La teoria della“sindrome degli antenati”, consisterebbe nella trasmissione inconscia e involontaria nei legami trans-generazionali della ripetizione degli eventi irrisolti.
Secondo questa teoria, le persone in vita proseguono la catena delle generazioni precedenti, rivivendo e continuando a ripetere i medesimi schemi sia in modo conscio che inconscio, compresi gli eventi traumatici… è come se ci fosse un’alleanza invisibile!

 È ovvio che in fondo, siamo meno liberi di quanto crediamo…
Possiamo, però, riconquistare la libertà, capendo i sottili legami che ci tengono ancorati al passato, per poi lasciarli andare. Afferrando questi fili nella loro complessità, potremo così vivere la nostra vita e non quella, per esempio, dei nostri genitori, nonni o di un fratello morto, che rimpiazziamo, consapevolmente o a nostra insaputa, nella “catena” del nostro albero genealogico.

Osservando le dinamiche familiari e indagando, si scopre che spesso ci sono vincoli comportamentali che possono essere ricondotti a ciò che è accaduto in vita agli antenati.
È nostra responsabilità, se vogliamo alleggerirci dal peso degli avi, sciogliere questi condizionamenti che influenzando l’inconscio, senza provare sensi di colpa e senza credere di divenire sleali nei confronti della propria linea genetica.

È possibile sciogliere questi legami, comprendendo la motivazione per cui è stata messa in piedi e mantenuta una certa modalità, a cosa è stata utile ai nostri antenati e, al contempo, in che modo lo è per noi.

Con il ThetaHealing, possiamo andare a risolvere le questioni a livello genetico per renderci liberi dall’obbligo di ripetere le modalità dei nostri avi e vivere finalmente la vita che desideriamo. Spesso molte delle cose che accadono nella nostra vita, sono proprio collegate a questo livello.

Non credi che sia giunto il momento di essere te stesso senza mai più ripetere schemi altrui?

Rayka Maria

Lascia un commento