Ipnosi Regressiva alle vite precedenti

IPNOSI REGRESSIVA ALLE VITE PRECEDENTI

A volte ci rendiamo conto di avere un disturbo particolare…È lì, lo si osserva, da vicino e da lontano, un po’ ci turba, sappiamo che c’è ma non riusciamo a “sciogliere il nodo”. L’ipnosi regressiva alle vite precedenti può essere di sostegno e può aiutarci a risolvere la problematica andando a scovare l’episodio che l’ha creata.

Scopriamo come funziona:

L’ipnosi regressiva è una tecnica che, grazie a una particolare relazione comunicativa che si instaura tra ipnologo e cliente, permette di scavare nell’inconscio e riportare alla memoria situazioni o traumi vissuti e mai “risolti” nel passato, che possono disturbare la vita attuale.

Scegliere di sottoporsi a una seduta di ipnosi regressiva alle vite precedenti, significa voler andare a ricercare le cause di malesseri e di conflitti o semplicemente di nodi irrisolti che si manifestano nella vita presente, disturbandola.

Nell’ ipnosi regressiva il cliente può infatti ritornare molto indietro nel tempo, recuperando memorie che possono essere attribuite a esistenze pregresse. Nella trance ipnotica è possibile, infatti, recuperare le radici simboliche di quelli che sono i disagi vissuti nel presente.

Il fine ultimo dell’ipnosi regressiva è quello di recuperare memorie che permettano al cliente debilitato di proseguire lungo la sua strada evolutiva, di amare e di crescere in modo sereno.

L’ipnosi regressiva alle vite precedenti NON è una cura o una terapia medica, è un percorso introspettivo/evolutivo che può dare al cliente beneficio grazie alla comprensione e alla risoluzione della vita ricordata.

Rayka Maria

Lascia un commento